Instagram stories

Cerca
  • peppepaletta

I fratelli siriani che fondarono Soriano... sarà vero?

Il toponimo deriverebbe dall'antroponimo Surius seguito dal suffisso aggettivale -anus, che quindi indica una proprietà fondiaria. Diverse le ipotesi sulla fondazione del paese. Secondo alcuni studiosi, fu fondato da due fratelli provenienti dalla Siria che esuli si rifugiarono in queste terre intorno al VII secolo a.C. Qui trovarono terreno fertile e vi si stabilirono dando il nome al luogo (Soriano dal greco Syrianos). Altri, invece, ipotizzano che il territorio sia stato colonizzato da nuclei militari al seguito del generale Belisario che, dopo la conquista del Meridione d'Italia, tra il 536 e il 554, avrebbero deciso di fermarsi qui. Altri studiosi attribuiscono la fondazione del borgo ai Goti, che costruirono il castello di S. Angelo. Qualcuno ipotizza che Soriano sia stata fondata dai Longobardi o dai Normanni. Soriano fu feudo del conte Ruggero I dei Normanni che gli riconobbero giurisdizione sui villaggi di San Basilio e di Santa Barbara. L'agglomerato urbano nacque più a valle e fu, in principio, chiamato Suburbio di Soriano, poi, Casale di Soriano e, infine, terra di Soriano dell'Alto. A Soriano Calabro sono da visitare le imponenti rovine del Convento e della Chiesa dei Domenicani, devastati dal terribile terremoto del 1783. Tra i secoli XVI e XVII, il Convento di San Domenico fu un importante centro di spiritualità e dottrina, ospitando Tommaso Campanella, Alessandro VII e Benedetto XII. Nel nuovo santuario costruito nel primo dell'Ottocento si conservano opere d'arte provenienti perlopiù dal vecchio complesso. Degna di interesse è la Biblioteca Calabrese, luogo di cultura specializzato nella letteratura calabrese, in testi di cultura e/o di autori calabresi.


0 visualizzazioni